logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Città di Thiene

Provincia Vicenza - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Febbraio  2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28     
       

Pubblicazione di Matrimonio

DESCRIZIONE

Informazioni per:
- cittadini italiani di cui almeno uno residente a Thiene interessati a contrarre matrimonio civile, religioso concordatario (cattolico) o di altri culti acattolici ammessi dallo Stato Italiano;
- stranieri residenti o domiciliati o non residenti ma che contraggono il matrimonio con un cittadino italiano residente.


COSA SERVE

I nubendi devono trovarsi nella libertà di stato per poter contrarre matrimonio (art. 86 del codice civile).
Occorre quindi:

  1. presentarsi , con congruo anticipo, rispetto alla data di matrimonio, all’Ufficiale di Stato Civile del Comune di residenza di almeno uno degli sposi, per l’avvio del procedimento;
  2. il cittadino italiano nato all'estero deve accertarsi che il proprio atto di nascita sia già trascritto in Italia;

Si consiglia di non attivare cambi di residenza da un Comune ad un altro, dal momento dell’avvio del procedimento per la richiesta di pubblicazioni fino all’avvenuta celebrazione del matrimonio.
In caso di necessità contattare l’Ufficio di Stato Civile.

L'Ufficiale di Stato Civile provvede all'acquisizione d’ufficio dei documenti civili necessari per le pubblicazioni di matrimonio.

Alcuni documenti non sono acquisibili dall'Ufficio matrimoni e devono essere prodotti dagli interessati PRIMA del giorno stabilito per le pubblicazioni civili.
Riportiamo un elenco dei documenti che gli interessati devono produrre, a seconda del caso:

  • MATRIMONIO RELIGIOSO: richiesta di pubblicazione del parroco o del ministro di culto.
  • SPOSI MINORENNI: decreto di ammissione al matrimonio rilasciato dal Tribunale per i minorenni di Venezia.
  • SPOSA VEDOVA DA MENO DI 300 GIORNI: dispensa dall'impedimento di cui all'art. 89 del codice civile, da richiedersi al Tribunale nella cui circoscrizione si trova il Comune di residenza.
  • SPOSI PARENTI O AFFINI: dispensa dall'impedimento di cui all'art. 87 del codice civile, da richiedersi al Tribunale nella cui circoscrizione si trova il Comune di residenza.
  • SPOSI STRANIERI:

    - Il cittadino di Austria, Germania, Repubblica Moldova e Svizzera deve produrre il certificato di capacità matrimoniale, rilasciato dall'Ufficio dello Stato Civile del Comune di residenza (appartenenza) nello Stato di origine (esente da legalizzazione);

    - Il cittadino del Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Spagna e Turchia deve produrre il certificato di capacità matrimoniale (informarsi presso il rispettivo Consolato sull'Autorità competente al rilascio).

    - per i cittadini polacchi: certificato rilasciato dal Capo Ufficio dello Stato Civile del Comune estero di residenza, debitamente tradotto; la traduzione, se effettuata all’estero, deve essere munita di apostille (Conv. dell’AJA del 05.10.1961); Se effettuata in Italia dovrà essere asseverata dal Tribunale.

  • per i cittadini australiani:
    1. dichiarazione giurata davanti al Console Australiano in Italia, la cui firma deve essere legalizzata in Prefettura;
    2. atto di notorietà (deve indicare che il cittadino può contrarre il matrimonio in base alla legge dello Stato di appartenenza) con quattro testimoni, redatto davanti all'Autorità italiana competente (all'estero il Console Italiano).

  • per i cittadini statunitensi:
    1. dichiarazione giurata davanti al Console degli Stati Uniti d'America in Italia, la cui firma deve essere legalizzata in Prefettura;
    2. atto di notorietà (deve indicare che il cittadino può contrarre matrimonio in base alla legge dello Stato di appartenenza) con due testimoni, redatto davanti all'Autorità italiana competente: Console Italiano all'Estero, Tribunale di Vicenza.

  • Il cittadino della Norvegia e della Svezia devono produrre nulla osta rilasciato dal Comune di residenza, legalizzato con apostille (Conv. dell'Aja) se tradotto all'estero la firma del traduttore deve essere legalizzata con Apostille prevista dalla Convenzione dell'Aja.

  • Il cittadino della Lituania, deve produrre nulla osta rilasciato dal Comune di residenza in Lituania, debitamente tradotto in lingua italiana.

  • Il cittadino della Siria, deve produrre nulla osta rilasciato dall'Ambasciata della Repubblica Araba in Siria con sede a Vienna.

  • per i cittadini di altra cittadinanza: produrre Nulla-osta al matrimonio rilasciato dall'Autorità di Rappresentanza dello Stato di appartenenza in Italia (Consolato od Ambasciata). Informarsi alla suddetta Autorità sulle modalità da seguire per il rilascio del Nulla-Osta.
    La firma del Console o Ambasciatore deve essere legalizzata in Prefettura a Vicenza; sono esenti da legalizzazione gli atti rilasciati da agenti diplomatici o consolari dei seguenti Paesi: Austria – Cipro – Francia – Germania – Gran Bretagna (estesa ad isola di Man) – Grecia – Irlanda – Liechtenstein – Lussemburgo – Norvegia – Olanda (estesa ad Antille Olandesi ed Aruba) – Polonia – Portogallo – Rep. Ceca – Rep. Moldova – Spagna - Svezia – Svizzera – Turchia.

Lo straniero che risulta "Rifugiato Politico" deve presentare:

  1. certificato rilasciato dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite in Roma;
  2. copia di atto di notorietà con 2 testimoni effettuato presso il Tribunale;
  3. documento di viaggio attestante lo stato di rifugiato politico;
  4. documento di identità valido.

Si consiglia di verificare sempre che le generalità riportate sul nulla osta o capacità matrimoniale coincidano esattamente con quelle indicate sul passaporto e con quelle registrate all'anagrafe del Comune di residenza.

L’Ufficio, acquisiti i documenti necessari, contatta gli sposi per stabilire la data delle pubblicazioni matrimoniali.

Il giorno dell'appuntamento devono presentarsi entrambi gli sposi (o persona munita di procura speciale risultante da scrittura privata) muniti di:

  • un documento di identità valido;
  • Marca da bollo di Euro 16,00 per l'atto di pubblicazione;
  • Marca da bollo di Euro 16,00 se uno degli sposi è residente in altro Comune;

N.B.: Se il cittadino non conosce perfettamente la lingua italiana, deve farsi assistere da un traduttore-interprete munito di documento di identità.


PUBBLICAZIONI DI MATRIMONIO

Termini della pubblicazione (8 giorni + 3)
Le pubblicazioni rimangono esposte per 8 giorni consecutivi.
Il matrimonio potrà essere celebrato non prima di 4 e non dopo 180 giorni dalla data di eseguita pubblicazione.
Decorso il termine della pubblicazione, per i matrimoni da celebrare in forma religiosa, l'Ufficio rilascerà:

  1. certificato di eseguite pubblicazioni per il Parroco;
  2. autorizzazione per il Ministro di Culto.

 

COSA FARE

Provvedere alla prenotazione, utilizzando l'apposito servizio on line prenotazione appuntamenti oppure telefonando al n. 0445 804807 negli orari di apertura al pubblico:

lunedì dalle ore 9,00 alle ore 12,30
martedì dalle ore 9,30 alle ore 13,30
mercoledì dalle ore 9,30 alle ore 12,30 e dalle ore 16,30 alle ore 18,15
giovedì dalle ore 9,30 alle ore 13,30
venerdì dalle ore 9,30 alle ore 12,30
sabato dalle ore 9,00 alle ore 12,30 (dalle ore 9,30 alle ore 11,30 nei mesi di luglio ed agosto).

 

INFO

Ufficio Stato Civile (Collegamento)
Telefono 0445 - 804971 804972
Fax 0445 804880
P.E.C.: thiene.demografici@pec.altovicentino.it
e-mail: demografici@comune.thiene.vi.it

 

U.R.P. - Comune di Thiene

Piazza A. Ferrarin, 1
P. Iva IT 00170360242
info@comune.thiene.vi.it PEC: thiene.comune@pec.altovicentino.it - Centralino Tel. 0445.804911