logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Città di Thiene

Provincia Vicenza - Regione del Veneto


Contenuto

Ordinanze n. 83 e n. 84/2019 EC: Provvedimenti per la riduzione dei livelli di concentrazione degli inquinanti nell'atmosfera

ORDINANZA N. 83/2019
Ecologia Ambiente

 

... ORDINA

di istituire, per il periodo intercorrente tra il 15 ottobre di ogni anno al 15 aprile dell’anno successivo, le azioni, secondo le indicazioni della Regione Veneto e come contenute nel nuovo “Accordo di programma per l'adozione coordinata e congiunta di misure di risanamento per il miglioramento della qualità dell'aria nel Bacino Padano” di seguito riportate (Livello verde):

a) spegnimento degli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea, dei motori dei veicoli merci durante le fasi di carico/scarico, degli autoveicoli per soste in corrispondenza dell’impianto semaforico delle vie M. Grappa/Granezza e dei passaggi a livello delle vie P. Leopoldo e Ca’ Magre;

b) divieto di circolazione, dal lunedì al venerdì, escluse giornate festive infrasettimanali, dalle ore 9,00 alle ore 12,00 e dalle ore 15,00 alle ore 18,00 per gli autoveicoli ed i motoveicoli di classe Euro 0 ed  Euro 1 nell’area urbana compresa tra le vie Valsugana, Val Cismon, Raffaello, M. Grappa, Granezza, Lavarone, Val Posina, Valdastico, V, Veneto e Marconi, ad esclusione delle seguenti categorie di veicoli:

  1. Veicoli ad emissione zero o ibridi purché funzionanti a motore elettrico;

  2. Veicoli alimentati a GPL o a gas metano;

  3. Veicoli immatricolati ai sensi dell'art. 138 del D.Lgs. 30 aprile 1992, n° 285 “Nuovo Codice della Strada”; dei Corpi e Servizi di Polizia Stradale e con targa non civile ed anche targhe sotto copertura o per i cui accertamenti tecnici, immatricolazione e rilascio documenti di circolazione, si applica quanto previsto dal comma 1 dell'art. 138 del D.Lgs. 30 aprile 1992, n° 285;

  4. Veicoli speciali definiti dall’articolo 54 lett. f, g e n del Codice della Strada, i mezzi destinati a servizi di pubblica utilità ed altri espressamente autorizzati dall'Amministrazione Comunale;

  5. Veicoli e conducenti della Polizia di Stato, della Polizia Penitenziaria, della Guardia di Finanza, delle Forze Armate, del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, della Croce Rossa Italiana, della Polizia Locale e Provinciale e della Protezione Civile;

  6. Veicoli adibiti a compiti di soccorso, compresi quelli dei medici in servizio, muniti di apposito contrassegno distintivo; veicoli dei paramedici e dei tecnici ospedalieri o case di cura in servizio di reperibilità, nonché i veicoli di associazioni o imprese che svolgono assistenza sanitaria e/o sociale;

  7. Autobus adibiti a servizio pubblico e trasporto scolastico;

  8. Veicoli degli Enti Locali, compresi i veicoli delle aziende partecipate dal Comune, ULSS, ARPAV, Poste, Enti gestori della Reti Elettrica, del Gas, dell’Acqua e Telefonica e di altri Enti gestori di pubblici servizi;

  9. Veicoli degli istituti di vigilanza privata e i veicoli adibiti al pronti intervento su impianti tecnologici (ascensori, caldaie, sistemi informatici, ecc...).

  10. Veicoli adibiti al trasporto di derrate deperibili, farmaci, nonché quelli necessari a garantire il funzionamento dei servizi pubblici essenziali rientranti nell'ambito dell'elencazione di cui all'art. 1 lettera a), b), c), d), ed e) della legge 12.6.1990 “Norme sull'esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali e sulla salvaguardia dei diritti della persona costituzionalmente tutelati”, purchè siano tutti facilmente individuabili da scritte o particolari simboli di riconoscimento esterni applicati al veicolo;

  11. Veicoli utilizzati dalle ditte che intervengono nel piano neve per conto degli enti locali (Comune e Provincia), sia per spazzamento che per distribuzione di sali e ghiaino in funzione preventiva;

  12. Veicoli adibiti per il trasporto e al servizio di portatori di handicap (munite di contrassegno), di soggetti affetti da gravi patologie documentate con certificazione rilasciata dagli Enti Locali o autocertificazione, ivi comprese le persone che hanno subito un trapianto di organi o che sono immunodepresse, delle persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili, cure, analisi, e visite mediche;

  13. Veicoli di trasporto pasti confezionati per mense o comunità;

  14. Veicoli adibiti a cerimonie nuziali o funebri e al seguito;

  15. Veicoli che effettuano il car-pooling, ovvero che trasportino almeno 3 persone a bordo, quale promozione dell'uso collettivo dell'auto e per incentivare l'adozione di piani di mobility management aziendale;

  16. Veicoli condotti da cittadini che abbiano già compiuto sessantacinque anni purché residenti a Thiene e alla guida di veicoli di proprietà loro o di un famigliare;

IL LINK ALLA MAPPA DELL'AREA URBANA INTERESSATA DALL'ORDINANZA

Il testo completo dell'Ordinanza n. 83/2019 EC

 


ORDINANZA N. 84/2019
Ecologia Ambiente

... ORDINA

di istituire, per il periodo intercorrente tra il 15 ottobre di ogni anno al 15 aprile dell’anno successivo, le azioni, secondo le indicazioni della Regione Veneto e come contenute nel nuovo “Accordo di programma per l'adozione coordinata e congiunta di misure di risanamento per il miglioramento della qualità dell'aria nel Bacino Padano” di seguito riportate (Livello verde):

  1. divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) aventi prestazione energetiche ed emissive che non sono in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe “2 stelle” in base alla classificazione ambientale introdotta dal Decreto 7 Novembre 2017 n.186 sulla certificazione dei generatori a biomassa;

  2. divieto di combustione delle biomasse (c.d. abbrucciamento delle ramaglie e altri residui vegetali), salvo i fuochi rituali contingentati secondo indicazioni comunali o per motivi di salute delle piante (secondo quanto stabilito dall'art. 56 della L.R. 11/2014) e per la preparazione dei cibi;

  3. obbligo, nelle 14 ore/giorno consentite in zona climatica E), di limitazione della temperatura misurata ai sensi del DPR 412/93 e smi: a massimi di 19°C (+2°C di tolleranza) negli edifici classificati in base al DPR 412/93 con le sigle:

E.1 – residenza e assimilabili
E.2 – uffici e assimilabili
E.4 – attività ricreative e assimilabili
E.5 – attività commerciali e assimilabili (es. divieto porte aperte per evitare dispersioni termiche)
E.6 – attività sportive

con l’esclusione degli edifici classificati con le sigle:
E3 – Edifici adibiti a ospedali, cliniche o case di cura e assimilabili ivi compresi quelli adibiti a ricovero o cura
di minori o anziani nonché le strutture protette per l’assistenza ed il recupero dei tossicodipendenti e di altri
soggetti affidati a servizi sociali pubblici;
E7 – Edifici adibiti ad attività scolastiche a tutti i livelli e assimilabili.

A massimi di 17°C (+2°C di tolleranza) negli edifici classificati in base al DPR 412/93 con la sigla:
E.8 – attività industriali e artigianali e assimilabili

Il testo completo dell'Ordinanza n. 84/2019 EC

 

PM10 - Dati in diretta - Vicenza

 

Piazza A. Ferrarin, 1
P. Iva 00170360242
info@comune.thiene.vi.it PEC: thiene.comune@pec.altovicentino.it - Centralino Tel. 0445.804911