logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Città di Thiene

Provincia Vicenza - Regione del Veneto


Contenuto

Premio Thiene


Il Premio Thiene è il prestigioso riconoscimento assegnato ogni anno dall'Amministrazione Comunale a cittadini e istituzioni che si sono distinti per l'attività svolta in ambito economico, sportivo, sociale o culturale.

 

  2020 2010 2000 1990 1980
  2019 2009 1999 1989 1979
 2018 2008 1998 1988 1978
 2017 2007 1997 1987  
 2016 2006 1996 1986  
 2015 2005 1995 1985  
 2014 2004 1994 1984  
 2013 2003 1993 1983  
 2012 2002 1992 1982  
 2011 2001 1991 1981  

Ogni edizione prevede la consegna di alcune targhe di riconoscimento e l’assegnazione della statuetta di Bacco e Arianna, copia della scultura-fontana che si trova al centro di piazza A. Ferrarin di fronte al palazzo municipale.

La fontana, donata alla città dal conte Guardino Colleoni, proprietario della famosa villa Porto-Colleoni-Thiene che si trova proprio di fronte al Municipio, conosciuta come il "castello", è opera di Egisto Caldana, un abile scultore vicentino attivo nel territorio intorno alla seconda metà dell'800. L'opera, realizzata in pietra tenera di Vicenza, è fonte di interesse sia per quanto riguarda i protagonisti, ispirati al mito di Bacco, sia per le frasi contenute entro i quattro scudi sull'anello perimetrale.
Infatti, se Bacco è inequivocabile, non è invece chiaro chi sia la figura femminile, se Arianna, una Ninfa o la Temperanza. Di certo, il ruolo della donna trova ragione come agente di moderazione degli eccessi di Bacco e nel richiamo alla funzione purificatrice dell'acqua.
Lo stesso divertente enigma si ritrova tra gli scudi sul bordo della vasca; vi si legge tra l'altro: "HAEC POTI FLAMMAS - TEMPERET UNDA MERI", vale a dire "quest'acqua che ondeggia mitighi l'ardore del vino bevuto". La frase denuncia un carattere vagamente goliardico, tra l'avvertimento bonario ai bevitori di vino e il dotto divertimento nella citazione di Orazio (epistola 19). In definitiva la fontana costituisce insieme un monito alla moderazione nel bere e una celebrazione della tecnologia idraulica portata dall'acquedotto di fine ‘800.