logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Schio

Provincia di Vicenza - Regione Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Settembre  2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30     
       

News

“ROSSI200 - Dalla lana al tessuto produttivo” chiude a oltre tremila visitatori. Gli organizzatori: «Un bilancio lusinghiero: vale il doppio»


Oltre tremila visitatori che numeri alla mano sarebbero stati almeno il doppio, se il Coronavirus non ci avesse messo lo zampino bloccando mezzo mondo proprio quando era previsto il cuore degli eventi e dell’affluenza. Si è chiusa così, con 3.052 biglietti staccati al 29 giugno festa di San Pietro Patrono di Schio, la mostra “ROSSI 200 - Dalla lana al tessuto produttivo”, organizzata da Comune di Schio, Distretto Scienza e Tecnologia, Confindustria Vicenza Raggruppamento Alto Vicentino e cooperativa Biosphaera. «Siamo gente che pensa positivo – spiegano i promotori – e ci piace guardare a quello che abbiamo avuto e non a ciò che abbiamo perso: si tratta di un bilancio lusinghiero che per noi vale almeno il doppio perché ottenuto nonostante i gravi disagi causati dall’emergenza sanitaria Covid-19».

Non solo un modo di dire, quello dei responsabili, perché dall’analisi obiettiva dell’affluenza, sommando ai biglietti staccati le visite guidate di scolaresche e gruppi già scadenziate in calendario ma giocoforza cancellate, l’affluenza spontanea nei weekend persi e quella indotta collegata al panel eventi (tutti capitoli andati in fumo causa Covid-19), il contatore avrebbe tranquillamente potuto segnare almeno un raddoppio.«La mostra ROSSI200 – commenta Valter Orsi, sindaco di Schio – è stata il traguardo che ha terminato con successo le tante attività sorte come tributo al nostro cittadino più illustre. La città possiede nella propria anima una moltitudine di storie ed esperienze uniche, troppo spesso sopite rispetto alla conoscenza collettiva, ma che si stanno rivalutando anche per trovare spinte nei contemporanei momenti di difficoltà. Con soddisfazione noto che il nome di Alessandro Rossi sta tornando alla ribalta nella quotidianità: è un esempio di lungimiranza finalmente ripreso non solo in loco ma anche dai media nazionali. ROSSI200 ha messo in luce un buon lavoro di squadra del territorio, che dimostra come il sentimento di collettività sia fondamentale per realizzare eventi importanti».

ROSSI200 - Dalla lana al tessuto produttivo” è stata inaugurata il 21 novembre 2019, il giorno del duecentesimo compleanno di Alessandro Rossi. La durata di quattro mesi inizialmente prevista fino al 29 marzo 2020 era già in odore di proroga per tutto aprile, vista la buona affluenza rilevata e le visite prenotate da scuole e gruppi privati per i mesi di febbraio e marzo. L’emergenza sanitaria ha però stravolto tutti i piani, costringendo alla chiusura per tre mesi, dal 23 febbraio al 23 maggio, quando su forte volontà degli organizzatori l’esposizione è stata riaperta fino al 29 giugno seppur con viste guidate contingentate. «Riaprendo volevamo dare un segnale di speranza, e siamo stati premiati – spiega Laura Dalla Vecchia, presidente del Distretto Scienza e Tecnologia – perché nonostante la stagione estiva il dopo lockdown ha riservato una notevole affluenza, segnando quasi 700 visitatori: un segno tangibile di come Alessandro Rossi sia stato un grande protagonista della sua epoca, in grado di creare una cultura d’impresa che tutt’oggi è fonte di grande ispirazione». «L’uomo, l'azione e il territorio, sono gli elementi di una storia, che a partire da Alessandro Rossi ha ancora moltissimo da dire e da insegnare – le fa eco Michele Ferretto, presidente di Biosphaera -. ROSSI200 per noi è stata una sfida, che siamo orgogliosi di aver accettato con la consapevolezza di essere solamente all'inizio di un lungo e interessante racconto, nel quale il vero attore è il tessuto produttivo di oggi nel suo eterogeneo insieme».

La mostra scledense, nata per celebrare il bicentenario della nascita di Alessandro Rossi, è stata molto apprezzata da tutte le fasce di età per il valore storico, ma anche per il linguaggio facile, l’interattività e per i molti reperti originali raccolti grazie ai prestatori: «Abbiamo raccontato un capitolo chiave della lunga tradizione manifatturiera che oggi ci distingue in tutto il mondo – spiega Armido Marana, vice presidente del Distretto – e ci siamo riusciti grazie ai tanti che hanno collaborato evidenziando una fantastica caratteristica delle nostre genti, che si sanno impegnare e mettere a disposizione per il proprio territorio dando un segnale di comunità forte e coesa».Particolarmente avvincente è la storia dei disegni originali dell’architetto Auguste Vivroux risalenti al 1862 e recuperati in Belgio, dove sono conservati presso la Commission Royale des Monuments, Sites et Fouilles (CRMSF) di Liegi:queste tavole, esposte per la prima volta in Italia, hanno preso nuova vita grazie a rendering e foto-inserimenti realizzati da StudiOfficina Architettura, che ha così potuto mostrare ai visitatori la Fabbrica Alta così come era stata originariamente concepita dall’architetto belga, prima di subire variazioni in fase di realizzazione.Un entusiasmante progetto realizzato che attenua un po’ l’amarezza per gli appuntamenti culturali cui si è forzatamente dovuto rinunciare: basti pensare che nel ricco panel di convegni ed eventi evaporato a causa della pandemia spiccava anche l’autorevole nominativo dell'Accademia Olimpica che nei piani avrebbe dovuto far tappa a Schio a metà marzo con una prestigiosa tornata interclasse dal titolo “Alessandro Rossi e l’era industriale”.

«Le occasioni perdute per l'emergenza sanitaria non cancellano il fatto che ROSSI200 sia stato un evento estremamente partecipato – sottolinea l'assessore alla cultura del Comune di Schio, Barbara Corzato -. I numerosi prestiti raccolti l’hanno resa un'occasione oltremodo preziosa per valorizzare la storia della città e quella di uno dei suoi personaggi simbolo, e grazie a questo progetto si sono instaurate collaborazioni che senza dubbio permetteranno di mettere in luce altri aspetti del nostro patrimonio storico-culturale». Un atteggiamento fiducioso sposato anche da Pietro Sottoriva, presidente Raggruppamento Alto Vicentino di Confindustria Vicenza: «Alessandro Rossi – dichiara – ci ha donato una lezione nel passato fondamentale per affrontare il futuro, ovvero che l’innovazione deve andare di pari passo con la capacità di generare benessere. Non basta lavorare bene, ma bisogna anche vivere bene per generare l’ottimismo diffuso che è uno dei marchi di fabbrica del nostro territorio».

E proprio sull’onda dell’ottimismo, come colpo di coda destinato a beffare le avversità pandemiche e a cristallizzare nel tempo i contenuti di ROSSI200, pochi giorni prima della chiusura è stato dato alla luce il catalogo dell’esposizione, curato da Silvia Boschetti con foto originali di Marco Chierico, edito da Sparkling sotto la direzione editoriale di Luca Fabrello, portavoce del Distretto:«Lo spirito imprenditoriale di Alessandro Rossi insegna a non arrendersi di fronte alle difficoltà - conclude Fabrello -. Se l’emergenza sanitaria ha cancellato visitatori ed eventi, noi abbiamo risposto con orgoglio dando alle stampe pagine che profumano di speranza: un meraviglioso volume, dal linguaggio chiaro ma pieno di contenuti originali, che rimarrà nella bibliografia di Schio e concederà a tutti, e ai più giovani in particolare, la possibilità di conoscere ed essere ispirati da colui che senza dubbio alcuno fu un grande della storia, e respirare un po’ della magica atmosfera che durante i mesi di esposizione aperta al pubblico ha intriso le sale del Lanificio Conte». Il volume è disponibile nelle librerie di Schio e su Amazon.

 

ROSSI 200 IN CIFRE

  • 3.052 biglietti complessivi staccati (21/11/19 – 23/02/2020 & 23/05/2020 – 29/06/2020)

  • I mesi con maggiore affluenza sono stati dicembre 2019 (808 ingressi) e febbraio 2020 (863 ingressi);

  • Gli ingressi post lockdown sono stati 670 (con capienza ridotta e visite guidate contingentate);

  • I visitatori persi stimati a causa del Coronavirus sono stati circa 3.000, di cui:

  • 1.500 prenotazioni annullate per visite guidate di scuole e gruppi (dato certo);

  • 800 a causa dell’annullamento forzato del panel convegni ed eventi (stima realistica);

  • 700 visitatori spontanei in meno nei weekend di chiusura (stima realistica).

 


Data ultimo aggiornamento: 10/08/2020
Via Pasini, 33 - 36015 (VI); telefono 0445-691.111
Partita I.v.a. 00402150247
info@comune.schio.vi.it
Indirizzo PEC: schio.vi@cert.ip-veneto.net ; Foto del banner da sin a dx: Archivio Marzari, Giacom Piovan, Dario Strozzo, Dario Strozzo